Agraria, Agroindustria e Agroalimentare prevede un percorso di biennio comune con possibilità di scelta nel triennio in Gestione dell’ambiente e del territorio oppure Viticoltura ed enologia

Settore Tecnologico
Istituto Tecnico Agrario

Istituto Tecnico Agrario

Gli obiettivi

Il diplomato possiede:

  • Competenze nell’organizzazione e gestione delle attività produttive, trasformative e valorizzative del settore, con attenzione alla qualità dei prodotti e al rispetto dell’ambiente;
  • Interviene in aspetti relativi alla gestione del territorio, con specifico riguardo agli equilibri ambientali e a quelli idrogeologici e paesaggistici.

Sbocchi professionali

Le competenze acquisite dal diplomato gli permettono di:
Avere accesso a qualsiasi facoltà universitaria anche se la preparazione conseguita risulta più idonea per la frequenza di:
Scienze Agrarie, Scienze della Produzione Animale, Scienze e Tecnologie Alimentari, Scienze Naturali, Scienze Biologiche, Ingegneria Ambientale, Veterinaria;
Inserirsi nel mondo del lavoro come:

  • Il Perito Agrario trova possibilità di impiego in ambito aziendale nella cura e progettazione del verde pubblico, negli enti di assistenza tecnica economica agli imprenditori agricoli, nelle Comunità Montane, Province, Comuni, Aziende Sanitarie locali, enti professionali;
  • Collaborazioni nelle aziende agrarie, agroalimentari e agroindustriali per le attività produttive, trasformative e valorizzative relative alla viticoltura e all’enologia.

Triennio
Gestione dell’Ambiente e del Territorio

Gestione dell'Ambiente e del Territorio

Gli obiettivi

Vengono approfondite le problematiche della conservazione e tutela del patrimonio ambientale, le tematiche collegate alle operazioni di estimo e al genio rurale.
Il diplomato ha competenze negli ambiti:

  • Della conservazione, tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale;
  • Delle operazioni di estimo e del genio rurale;
  • Della valorizzazione delle risorse proprie del territorio;
  • Dell’assistenza socio-economico-gestionali dei soggetti operanti in ambiente rurale.

In particolare è in grado di:

  • Promuovere e gestire interventi mirati alla valorizzazione del territorio nell’ottica della multifunzionalità e della sostenibilità;
  • Interpretare la vocazionalità del territorio per operare le scelte produttive e trasformative più efficaci;
  • Accrescere la competitività dei soggetti operanti sul territorio applicando strumenti certificativi nel contesto ambientale;
  • Analizzare il territorio a supporto della pianificazione e gestione agro-ambientale e forestale;
  • Collaborare alla realizzazione di interventi di rinaturalizzazione, ripristino e sistemazione ambientale;
  • Individuare le sinergie tra le attività agrarie e quelle di altri settori economici, con particolare riguardo ad iniziative agrituristiche;
  • Operare nell’ambito di progetti di sviluppo territoriale e di educazione ambientale.

Il conseguimento di tali competenze è la risultante di un percorso di studi che, nel biennio, mira all’acquisizione di conoscenze di base sulle discipline scientifiche quali matematica, chimica, fisica, biologia, etc. e, nel triennio, sviluppa competenze di natura tecnico-scientifica attraverso lo studio di economia, estimo, genio rurale, produzioni animali e vegetali, trasformazione dei prodotti, etc.
Ruolo fondamentale hanno le attività di laboratorio che completano la preparazione dello studente fin dal biennio, per poi intensificarsi nel triennio, al fine di rafforzarne le competenze professionali.

Triennio
Viticoltura ed Enologia

Viticoltura ed Enologia

Gli obiettivi

Il corso tecnico in Agraria, Agroalimentare e Agroindustria nell’articolazione Viticoltura ed Enologia prepara gli studenti a comprendere e gestire le attività vitivinicole. Accanto al rispetto e alla tutela dell’ambiente si apprendono l’uso delle biotecnologie viticole e il funzionamento delle filiere agroalimentari con particolare interesse per quelle dell’uva, dalle tecnologie viticole in campo alla raccolta dell’uva e del vino, dall’industria enologica di trasformazione al settore distributivo e commerciale.
Il corso professionalizzante si rivolge a chi:

  • Intende valorizzare le risorse agroalimentari del territorio coniugando “saperi antichi” e le nuove tecnologie del settore, rispettose dell’ambiente e del paesaggio;
  • Vuole imparare tecnicamente a condurre un’azienda vitivinicola o collaborare alla realizzazione di processi produttivi ecosostenibili;
  • Desidera controllare la qualità e la tracciabilità delle produzioni o collaborare nella gestione delle attività promozionali per la valorizzazione di prodotti agroalimentari;
  • È interessato ad acquisire le competenze richieste dal mondo del lavoro e la preparazione scientifica necessaria in ambito professionale, nonché per un eventuale susseguente percorso universitario.

Oltre alla formazione teorica viene privilegiata quella pratica, attraverso i Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento, già Alternanza Scuola-Lavoro, che verranno svolti a più riprese nell’arco del triennio in diversi periodi dell’anno. Il percorso formativo viene infine arricchito da progetti, uscite didattiche e partecipazione ad eventi attinenti alla specificità dell’indirizzo di studio.